tiportoviaconme > Destinazioni > 11 cose che devi fare ad Amed, Bali

11 cose che devi fare ad Amed, Bali

by tiportoviaconme

Ha il sapore di sale e di incenso, di galline e pulcini sulla spiaggia e di bambini spensierati. Amed è un piccolo villaggio di pescatori sulla costa est di Bali che vive lentamente al ritmo del mare. A dominarla dall’alto il vulcano attivo Agung che ogni tanto vedrai sbuffare. Se vuoi vivere davvero una Bali rilassata, se sei in cerca di tranquillità, buone vibrazioni e ti piace fare snorkeling o immersioni allora devi passarci qualche giorno. In questo articolo ti consigliamo cosa fare ad Amed.

Se stai pianificando una vacanza a Bali, sicuramente non potranno mancare Ubud ed i suoi magnifici dintorni. Abbiamo selezionato per te cosa vedere a Ubud in tre giorni per godersi i 10 posti più belli senza correre troppo.

1. Snorkeling tra pesci colorati e coralli

Il mare tranquillo insieme alla barriera corallina vicinissima alla riva rendono Amed un luogo ideale per lo snorkeling. I tre punti più interessanti sono Japanese Wreck, Jemeluk Baye, Lipah Beach. Anche se non sei un abile nuotatore non ti preoccupare, il sito della baia di Jemeluk è facilmente raggiungibile a nuoto dalla spiaggia ed è perfetta per chi, come noi, è alle prime armi con lo snorkeling.
Noi abbiamo scelto di farlo proprio in questa baia dove il mare è tranquillo e l’acqua poco profonda. Sulla spiaggia troverai dei chioschetti che con poche rupie noleggiano maschera e pinne (abbiamo preso solo le pinne a 26000 rupie in due).

Guardando verso il mare, dirigiti all’estremità destra della spiaggia ed entra in acqua qui. Non puoi sbagliarti, vedrai tutti fare snorkeling. I pesci colorati sono garantiti già a pochi metri dalla riva, ma è a poche decine di metri dalla riva che puoi trovare più vita ed anche un piccolo tempio sommerso a circa 5 m di profondità, indicato da una boa gialla. Qui si può fare un tuffo in apnea per vederlo da vicino circondato dai pesci.

Consigliamo di fare molta attenzione a non calpestare i coralli, presenti già vicino alla riva, o i ricci di mare e di indossare scarpe da scoglio se non si hanno le pinne. L’unico aspetto negativo è che essendo una baia abbastanza chiusa, le correnti possono accumulare qui diversa plastica.
Anche gli altri due siti sono molto validi per lo snorkeling e dovrebbero essere raggiungibili dalla riva, ma non abbiamo verificato di persona.

Dove: Jemeluk Baye

Snorkeling nella Baia Jemeluk ad Amed Bali

2. Fare diving nei fantastici siti di Amed

Amed è un sito di immersioni molto apprezzato, come testimoniano i numerosissimi diving center che si possono trovare lungo la strada. Relitti, pesci mola-mola, squali, coralli, la vita sottomarina non deluderà. Molti siti sono adatti anche ai principianti, ma sono molto interessanti anche per i più esperti. Se le immersioni vi appassionano questa attività è da considerarsi il top di cosa fare ad Amed.

Se non avete il brevetto, qui tutti i diving offrono corsi per ottenerli nel giro di pochi giorni. Almeno per l’Open water, come primo approccio alle immersioni, ci sentiamo di sconsigliare brevi corsi, ma di dedicarsi piuttosto ad un corso approfondito a casa dedicandoci tutto il tempo e lo studio che richiede.

3. Pescare accompagnato dai pescatori

Diversi pescatori ci hanno offerto questa attività. Partire all’alba da Amed Beach, arrivare in un punto per fare snorkeling e pescare guidati dai pescatori. E una volta tornati a riva si organizza una fantastica grigliata con il pescato del giorno.
Trovare questi pescatori che mettono a disposizione le loro tipiche barche è abbastanza facile, noi siamo stati fermati un paio di volte mentre camminavamo sulla spiaggia. Per una questione di budget ridotto non abbiamo accettato ma vedendo alcune foto ci è sembrata un’esperienza da consigliare per ammirare ancora una volta la vita di questi pescatori e se siete fortunati fare snorkeling con le tartarughe.

Dove: spiaggia di Amed

Pescatori ad Amed Bali

4. Visitare il Taman Tirtagangga

Il Tirtagangga è un bellissimo giardino acquatico reale a Est di Bali. Il suo nome significa letteralmente “l’acqua del Gange” ed è un sito molto venerato dai balinesi induisti. Appena entrerai vedrai immediatamente il laghetto con statue di figure mitologiche e potrai passeggiare in mezzo al lago saltando tra piattaforme di cemento e carpe.
Il simbolo del Tirta Gaanga è Nawa Sanga, una fontana di 11 livelli con una scultura di fiori di loto alla sua estremità. L’acqua che sgorga da questa fonte è considerata sacra dai fedeli e viene utilizzata in molte celebrazioni religiose. Il costo d’entrata è di 30000 rupie. C’è la possibilità di fare il bagno nelle piscina per 10000 rupie. Amed è una buona base di partenza per visitare questo giardino poiché dista circa 40 minuti in taxi o scooter.

Dove: Taman Tirtagangga

5. Rimanere a bocca aperta davanti al tramonto all’Amed beach

Vai in un tipico warung, compra una Bintang ghiacciata e siediti in spiaggia ad ammirare il tramonto. Preparati il meraviglioso spettacolo del sole che tramonterà dietro il vulcano.

Dove: spiaggia di Amed

Tramonto ad Amed Bali

6. Perdersi nei dintorni di Amed

Dicono tutti che per entrare a stretto contatto con Bali devi perderti e scoprirla. È successo proprio così a noi quando abbiamo deciso di noleggiare lo scooter (una giornata 60000 rupie). Non essendo esperti alla guida, abbiamo puntato verso la costa su una strada senza troppe curve e traffico, molto piacevole. In un giornata sola ci siamo ritrovati dentro ad una cerimonia, un tempio deserto sul mare e in uno in costruzione solo per noi. Il nostro consiglio è proprio quello di puntare un punto sulla mappa e perdersi. Non te ne pentirai.

Dove: tempio in costruzione, tempio sul mare (Pura Gerombong)

Tempio nei dintorni di Amed Bali
Tempio sul mare nei dintorni di Amed Bali
Cerimonia ad Amed Bali
Il primo è un tempio scoperto per caso e ancora in costruzione, dove gli operai sono stati gentilissimi ad invitarci ad entrare. La seconda foto è di un tempio in una posizione spettacolare sul mare (Pura Gerombong), anche questo scoperto per caso. Nell'ultima foto una signora durante una cerimonia ad Amed.

7. Visitare la famosa porta del paradiso nel tempio Lempuyang

Una delle tappe obbligatorie quando si viene a Bali, il Lempuyang è uno dei templi più antichi dell’isola degli dei e sembra essere sospeso tra cielo e terra. È diviso in più parti. La prima raggiungibile facilmente a piedi, mentre le zone meno turistiche sono in salita, considera circa un paio d’ore per raggiungerle.
La porta del paradiso è diventata famosa grazie ai social network e sappiate che per fare la foto con il vulcano come sfondo ci potrebbero volere dalle 2 alle 4 ore in fila. Importante: non c’è nessuno specchio d’acqua che crea il famoso riflesso davanti alla porta. L’effetto specchio è creato… da uno specchio. Un signore vi farà una foto posizionando ad arte uno specchietto sotto la fotocamera per una perfetta foto ad effetto.
Per entrare è obbligatorio il sarong che puoi noleggiare al costo di 10000 rupie, mentre per l’ingresso potrai fare una donazione libera. Il tempio si raggiunge facilmente da Amed (30 min circa) o Ubud (2 ore) sia in motorino che in taxi.

Dove: tempio Lempuyang

Lempuyang porta del paradiso Amed Bali

8. Assistere al sorgere del sole dal mare

Da inserire assolutamente tra i primi posti di cosa fare ad Amed. Ammirare l’alba è in qualsiasi posto al mondo uno spettacolo e veder nascere un nuovo giorno dal mare lo sarà ancora di più. Essendo Amed un villaggio di pescatori potresti imbatterti in una scena di pesca mattutina, una magia. Sarai sicuramente ricompensato della sveglia presto.

Dove: spiaggia di Amed

Alba ad Amed Bali
Pescatori all'alba ad Amed Bali

9. Godersi una cena al tramonto al Warung Pondok

Direttamente sulla spiaggia, musica balinese, materiali di recupero, tramonto dietro al vulcano, atmosfera accogliente e casalinga e la cena è servita. Per raggiungerlo devi fare una bella e piacevole passeggiata per tutta la spiaggia in direzione vulcano, dalla parte opposta di Jemeluk Baye. Il proprietario e la moglie sono estremamente gentili e oltre ad essere un posticino carino, è anche molto economico. Nasi Goreng, Mie goreng e acqua 60000 rupie.

Dove: Warung Pondok

Warung Pondok ad Amed Bali

10. Scoprire il Taman Ujung Water Palace

Questo palazzo, fratello del più famoso Tirta Gaanga, è ingiustamente poco conosciuto dai turisti. Costruito da re Karangasem, è stato più volte danneggiato da eruzioni e terremoti, ma si presenta ora restaurato. È costituito da grandi piscine, stagni collegati da ponti, con lo sfondo del vulcano Agung. Passeggia perdendoti tra le sue piscine, l’architettura mista balinese ed europea e la sua cornice naturale. Il palazzo è raggiungibile in 45 minuti da Amed in auto o scooter e il costo di ingrezzo è di 35000 rupie.

Dove: Taman Ujung water palace

11. Rilassarsi sulla spiaggia di Amed

Trascorri una semplice e rilassante giornata in spiaggia, tra una passeggiata sulla sua sabbia vulcanica ed un bagno nel mare calmo. Puoi trovare alcuni warung o bar sulla spiaggia con noleggio di lettini oppure sdraiarti dove più ti piace. La spiaggia è molto tranquilla e sentirai solo alcuni bambini giocare, galli cantare e maiali camminare al guinzaglio. Ti consigliamo di mettere le scarpette da scoglio perché soprattutto in alcuni punti ci sono molti sassi.

Dove: spiaggia di Amed

Spiaggia di Amed Bali

Domande su cosa fare ad Amed?

Speriamo con questo articolo su cosa fare ad Amed che siamo riusciti a trasmettere la pace ma anche la ricchezza di questo paesino e di averti fatto venire voglia di visitarlo. Per qualsiasi domanda o contatto scrivici tranquillamente qui nei commenti o sulle nostre pagine social, siamo felicissimi di rispondere.
Seguici anche nel nostro viaggio solo andata sulla pagina Istagram di _tiportovia.conme_

Pinna tiportoviaconme travel blog
Cosa fare ad Amed Bali Pinterest

Ti potrebbero interessare